Intervista esclusiva al troll pagato dal Pd per insultare Grillo e Salvini

Oggi sul blog sono riuscito a ottenere uno scoop: l’intervista esclusiva al troll pagato dal Pd per offendere Salvini e Grillo. Si tratta di un’esclusiva assoluta rilasciata da colui che, con la tastiera del suo notebook rovina tutte le discussioni politiche sulla rete, dai blog ai giornali, fino ai social network, diffondendo bufale e complottismo.

Di sicuro questa è una delle interviste più incredibili che abbia mai fatto in otto anni di attività giornalistica (sì, sono anche giornalista, ‘mbe’? Che c’è?).

Tramite un fake di Facebook, ho intervistato probabilmente uno degli uomini più influenti della politica italiana degli ultimi anni.

Il suo nome non è importante, il troll, si sa, si muove approfittando dell’anonimato della rete. Vive dietro al monitor del suo computer e del suo smartphone. E sfrutta la sua grande abilità retorica per mettere in crisi l’intero sistema di comunicazione di due dei maggiori partiti d’opposizione italiana: il Movimento 5 Stelle e la Lega Nord. Senza però limitarsi solo a loro. Una vita passata a commentare siti internet, pagine Facebook, articoli di giornali on line, profili Twitter, e chi più ne ha più ne metta. Una vita votata alla rete e a un’unica causa: parlare a casaccio, senza capire mai un cazzo di niente!

Il troll pagato dal Pd per offendere Grillo e Salvini

L’arcinoto folletto internauta chiamato da tutti il Troll e un uomo pagato dal Pd, quindi da Big Pharma, per screditare la Lega, il M5S e tutti quelli che non vogliono allinearsi al potere precostituito. E con questa intervista sono riuscito a strappargli alcune confessione importantissime, che potrebbero mettere fine all’esistenza stessa del Partito democratico così come lo conosciamo oggi, se solo non fossero delle trollate anche loro.
Dato il suo carattere schivo e i suoi modi non proprio educati (d’altronde è famoso per questo) ha risposto solo a poche domande e lo ha fatto in modo piuttosto rude, ma le sue affermazioni sono chiare e decisamente gravi, qualora reputate vere dalla magistratura. Ad ogni modo vi lascio all’intervista. Ditemi voi.

Intervista esclusiva al troll che rovina tutte le discussioni politiche sulla rete, dai blog ai giornali, fino ai social network

di Enrico Miceli

Signor Troll, lei mi ha chiesto questa intervista poiché aveva qualcosa di importante da dichiarare al mondo. Di cosa si tratta?
Innanzitutto grazie per lo spazio che mi stai concedendo e ne approfitto subito per dire “vaffanculo, cazzone!” (come sai non perdo mai l’occasione per dirlo, è una deformazione professionale). Detto questo, sì, ho una confessione da fare, ma tanto l’hai già messa nel titolo come un idiota, per cui ci siamo già giocati la suspense fin da subito. Va be’, la confessione è questa: da anni oramai il Partito Democratico mi paga un regolare stipendio per trollare i suoi avversari politici. Ho un contratto a tempo indeterminato, contributi, ferie, tredicesima e tutto il resto.

Cosa intende per “trollare”?
Be’, mandare a cacare, insultare, rompere le palle, dire cose che sembrano avere un senso ma che in realtà non ce l’hanno, solo per confondere le acque. Insomma, fare il troll: insinuare, insultare. Cose così. Sono pagato per navigare sulla rete, specie sui siti importanti, e defecare frasi insensate con le quali butto qualsiasi discussione in caciara. Insomma, l’idea è quella di trasformare qualsiasi confronto politico on line in una sorta di Porta a Porta. Io sono una specie di Bruno Vespa digitale.

Sta dicendo che il Partito democratico la stipendiava per divulgare informazioni false e screditare così i suoi avversari politici?
Stipendiava? Mi stipendia ancora mica ha smesso. Ma poi è una cosa che fanno tutti, eh? Ha presente Renato Farina, l’agente Betulla? Più o meno siamo là, eh? Direi che siamo quasi colleghi.
Solo che io trollo nei commenti su internet, lui lo faceva scrivendo articoli su Il Giornale.

Troll Pd Grillo Salvini

In foto alcuni troll pagati dal Partito democratico per rovinare interessantissime conversazioni politiche nate su Repubblica, il Corriere della Sera o sul blog di Beppe Grillo

Però lui lo faceva per il Centrodestra.
Va be’, Centrodestra, Centrosinistra, e capirai a noi che ce frega. Basta che a fine mese se magna.

Si rende conto della gravità di queste sue azioni?
Eccome no? Ed è bene che se ne renda conto pure il Pd, che se parlo io, qua, crolla tutta la baracca. Sai quante zozzerie ho dovuto scrivere? Quante informazioni ho dovuto insabbiare? Quanti scandali ho dovuto far dimenticare? Non me ne parlare, che questi ogni giorno fanno un casino nuovo. E prima arrestano quello, e poi condanno quell’altro, e dopo crolla la banca, e poi privatizzano robe pubbliche, clientele di qua, tangenti di là. E che te lo dico a fare? Io insabbio, depisto, sposto l’attenzione su altro, alla peggio insulto così, senza un motivo, pur di far parlare d’altro, però alla lunga uno si stufa anche, o no? Serve più cash!

Insomma, questa intervista era finalizzata a ricattare il Pd?

Ammazza quanto sei sveglio. E certo, sennò la facevo così, perché sei bello. Anche se io non direi “ricattare”. Direi piuttosto “chiedere un aumento”, anzi un “adeguamento salariale”. È una legittima pretesa per un lavoratore, o no? O devo avvertire i sindacati? Gua’ che la Camusso è una che s’incazza. Io se serve m’alleo pure con Landini, sai che mi frega. Ah Debenede’, serve più cash!! Vous comprenez? Did you undestand? Te’ capi’? Money! Sennò alle prossime elezioni manco al 3% arrivate. So’ stato chiaro? Passo e chiudo!

Poi ho cercato di fare altre domande ma il suo Facebook si è autodistrutto.

Seguimi sulla mia pagina FACEBOOK. Puoi TROVARLA QUI


4 CommentiLascia un commento

  • certa gente merita di morire.
    io se sapessi che qualcuno è un troll gli spezzerei le gambe e gli massacrerei la faccia.
    che lo devono riconoscere dai denti…

      • perchè sarebbe un commento da troll ?
        io da cittadino onesto esprimo la mia opinione, lei invece a parte darmi del troll (KI TI PAKA) cosa fa nella vita ?
        a parte scrivere su un blog che non legge nessuno e dare deo colluso al sottoscritto ?
        ma si cerchi un lavoro !!!

        • Perché è strutturato con le modalità tipiche dei troll, così come anche questo suo secondo commento. Comunque sia, sono pagato dal gruppo Bilderberg e dai rettiliani, cerchi di capire, questa è gente che non scherza…

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: