Legalizzazione cannabis. 10 motivi per superare il proibizionismo

L’argomento del giorno è semplice: legalizzazione cannabis. Il tema è caldo. Il parlamento italiano è in fermento. E il nostro spinello è rollato e attende solo di essere acceso.
Ok. La domanda che tutta l’Italia si pone in questo periodo è la seguente: la marijuana è una droga? E inoltre, è giusto legalizzarla?
E tra una striscia d’allegria e l’altra, i rappresentanti eletti dal popolo nel parlamento italiano saranno chiamati a esprimere il loro illuminato parere sulla questione morale (a proposito, ve la ricordate questa vecchia trovata de Le Iene?).

Ora, la legalizzazione della cannabis sta avvenendo progressivamente dappertutto e con risultati positivi. Ipocrisie a parte, dunque, la legalizzazione è sacrosanta e non per la banale questione “fumo/sballo”. I vantaggi sono molteplici e vanno dall’aumento delle entrate economiche del Paese (da ridestinare in servizi, e ce ne sarebbe molto bisogno) alla lotta alla criminalità organizzata. Dalle nuove opportunità lavorative legate al consequenziale aumento della produzione (sia le varietà indica che sativa hanno infatti innumerevoli usi industriali) a una maggiore consapevolezza dei danni causati. Acquistare cannabinoidi “di strada, prodotti in modo artigianale”, così come dichiarato dalla stessa presidenza del consiglio dei ministri e dalle varie associazioni mediche italiane, rende la sostanza più pericolosa proprio per via della mancanza dei necessari controlli medici (paragrafo 1, punti C e D; paragrafo 5 punto A). La legalizzazione risolverebbe queste problematiche.

Senza sottovalutare la possibilità di far concentrare le forze dell’ordine su altre questioni ben più gravi del sequestro di una canna (alcune le stiamo vivendo in modo particolare in questo periodo di attentati e sono sotto gli occhi di tutti).
Inoltre è assurdo pensare che oggi il 50% delle operazioni di polizia sono relative ai cannabinoidi. La cosa, tra l’altro, com’è chiaro, contribuisce in modo inutile ad aumentare il sovraffollamento delle carceri.

Insomma, è chiaro come il sole: la legalizzazione cannabis è una legge che porta solo vantaggi al Paese. Chi la nega o è ignorante o è in malafede. Oppure, va be’, è Giovanardi.
legalizzazione cannabis giovanardi

Legalizzazione cannabis. Ecco perché essere favorevoli

1. Perché la cannabis italiana è un’eccellenza mondiale e può essere un traino per l’economia del Sud Italia.

2. Perché così facendo si tolgono entrate economiche alla criminalità organizzata (ah, voi dite che è proprio questo il motivo del proibizionismo? Siete davvero brutte persone, fatevelo dire).

3. Perché dopo che hai fumato non hai voglia di fare risse, né di fare la guerra, né di odiare il vicino di casa. Però se andate al bar me lo portate un gelato crema e nocciola per favore che ho la bocca impastata?

4. Perché il mio pusher ha smesso di farmi credito. A sto punto da lui non compro più, sto malfidato!

5. Perché Alfano, Lorenzin e Giovanardi una volta sono andati a svoltare da uno che però non aveva l’erba. Allora sto tizio gli ha venduto certe pasticche strane che chissà che roba c’era dentro. Loro incuriositi le hanno provate e questi sono i risultati finali. Ogni cervello danneggiato è uno spettacolo terribile. Non vi sto a dire com’è che Gasparri si è ridotto così, che cosa brutta.

6. Perché d’estate tutti i pusher sono al mare e se tu resti in città non è una bella situazione.

7. Perché qualcuno fuma ancora quel puzzone di merda a base di hashish e plastica che si trova a basso costo nei giardinetti di periferia. E’ il momento di opporsi a questa barbarie.

8. Perché chiedere a una bella passante se ha una cartina lunga aumenta di molto le possibilità di rimorchiare.

9. Perché, senza che ci giriamo intorno, vuoi mettere l’erba calabrese con sta skunk senza storia né spina dorsale?

10. E poi, oh, diciamolo chiaro: pagare 10 euro un grammo di afghano non è degno di un paese civile!

E voi sulla questione “legalizzazione cannabis” avete altro da aggiungere? Se vi va, commentate pure.

2 CommentiLascia un commento

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: