Incontri al buio. Dritte e consigli su come comportarsi

Gli incontri al buio stanno diventando sempre più frequenti nella nostra società. Gli appuntamenti con gli sconosciuti, diciamolo, hanno sempre suscitato una certa eccitazione e un certo desiderio di conquista, sia negli uomini che nelle donne. Certo, a passare la serata con una persona misteriosa non sai mai cosa può capitare. Magari poi viene fuori che si tratta di uno psicopatico armato di motosega. Ma se durante la cena ti racconta della sua collezione di calotte craniche puoi sempre fingere un impegno improvviso e dileguarti. Anche se a dire la verità, gli psicopatici, oggi, hanno un loro seguito.

Ad ogni modo, gli incontri al buio sono anche questo. Specie se si frequentano siti di incontri completamente gratis. La sorpresa fa parte del gioco. E per fortuna oggi la cosa sembra non essere più un tabù. Il successo dei siti d’incontri online, dei social network e delle app come Tinder, Happn, Grindr e affini, ognuna con una propria specificità, ci fa capire una sola cosa, ossia che la società del precariato, dell’apparenza, del vuoto interiore, del disagio, del nichilismo cosmico, della fobia dell’Io e della repulsione verso la vita, ha in testa un unico e ingombrante pensiero inamovibile che governa l’intera esistenza. Una sola parola in grado di ossessionare la mente senza tregua. Ossia: chiavare!

Incontri al buio-Ragazza

Incontri al buio o legami duraturi?

Sì, quello che interessa alla nostra specie, oggi come ieri, è semplicemente il sesso, e gli incontri al buio sono una strada. Non importa come, quando o con chi. Ognuno, a suo modo, è in cerca di rapporti. Facili, rapidi, senza troppi fronzoli, possibilmente gratuiti. E chi non li cerca, in ogni caso, li desidera lo stesso. In privato. In segreto. Con vergogna. E poco importa se ad alta voce lo neghi.

Ovviamente, questo non vuol dire che non si cerchino legami stabili. Anzi, l’esigenza di avere un rapporto di coppia affidabile, forse addirittura quella di trovare l’anima gemella, l’amore eterno, è ancora sentita (o almeno percepita) sia pur in modo superficiale. Certo, molti vedono nell’infedeltà una risposta a questa loro contraddizione sentimentale, ma forse è proprio questa la sintesi di quel che siamo: istinto e ragione (o, se volgiamo, convenzioni).

Ciò che appare lampante da ogni singolo dettaglio, comunque, è che tutti gli individui di questa società cercano disperatamente di essere amati. Cercano qualcuno che li sorregga, li consoli, li stringa forte a sé e li tiri fuori dalla disperazione più nera in cui si trovano. Insomma, cercano qualcuno che li ami. Così da potergli spezzare il cuore.

Molti, poi, non essendo neppure in grado di riconoscere l’esigenza d’amore, non essendo in grado di immaginarla, capirla, razionalizzarla e gestirla, riescono a dare una sola risposta a tutto questo travaglio interiore. Per l’appunto: chiavare!
Che comunque è già qualcosa.

Incontri al buio-app-siti-banana

Social e app per single e coppie

Incontri al buio. Appuntamenti nei locali. Sesso virtuale. Smancerie due punto zero. Questo è l’amore ai tempi dei social. Questo è quello che ci è concesso, quello che ci è stato lasciato in dono dai padri fondatori di questa nostra epoca post-apocalittica. Post-umanità. Questo siamo, prendere o lasciare. Ed è un continuo gioco d’intrecci.
Single che incontrano coppie, coppie che incontrano altre coppie. Altre coppie che incontrano altri single. E alla fine ci si ritrova tutti insieme e si fa il  video. Be’, a chi non è mai capitato?
Siti di incontri. Appuntamenti. Chat.
Chiavare!
E semplice, no?
E poi via, ognuno fa ritorno alla sua vita. Solitaria. Vuota.
Siamo privi della capacità fondamentale di bastare a noi stessi. L’unico atto d’amore che oramai conosciamo è uno soltanto, ed è sempre lui: il sesso.
Detto questo, preso atto della situazione, finito il pistolotto senza senso buono per i pesantoni a cui serve l’introduzione prima di una scopata, vediamo un po’ come gestire nel migliore dei modi gli incontri al buio.

5 dritte per gestire gli incontri al buio

Gestire gli incontri al buio non è semplice. Un’uscita con una persona sconosciuta (o quasi) può creare imbarazzo. Ma per rompere il ghiaccio e gestire al meglio la serata è sufficiente utilizzare alcune piccole accortezze. Poche semplici mosse e state tranquilli che stasera chiavate!
Vediamo quali sono.

Fingetevi chi non siete

Incontri al buio-Brad Pitt in Fight Club
Fondamentale, se volete piacere a qualcuno durante gli incontri al buio, è fingere di essere chi non si è. Cioè, se andavate bene così come siete probabilmente non avreste avuto bisogno di appuntamenti misteriosi, no? Quindi fingete, sparatele grosse. Esagerate. Ma non millantate eccessiva ricchezza, mi raccomando, che poi vi tocca pagare la cena nel ristorante di lusso. E l’aragosta ha un prezzo. E poi il vino non vorrete prendere mica quello dei poveracci? Meno di 200 euro a bottiglia è buono per condire l’insalata. Fosse in vita lo zio Agnelli non approverebbe.

Insomma, vale l’ossimoro: esagerate ma con moderazione.

La barzelletta della capraAppuntamento al buio-Capra

Durante gli incontri al buio è sempre un’ottima cosa preparare una bella barzelletta da dire quando cala il silenzio. Siete lì che vi guardate, muti, non vi viene in mente nulla da dire, niente di cui parlare, il rumore del silenzio sembra quello delle unghie di un gatto sulla lavagna. Insopportabile.
E allora giocate il jolly.
“La sai la barzelletta del vecchio montanaro con la sifilide che s’incula la sua capra morta e la mette incinta?”
Un vecchio classico che vi risolverà ogni serata.

La pacca sul culo

Incontri al buio-Pacca sul sedere
Una buona mossa per superare ogni imbarazzo durante queste serate con gli sconosciuti è la classica pacca sul culo.
La pacca sul culo vale sempre, in tutte le occasioni. E’ la soluzione ad ogni problema della vita.
Un bella e vigorosa pacca sul culo, data subito, appena vi incontrate con la sconosciuta. Prima ancora di presentarvi. Senza ragionare, d’impulso.
La persona viene verso di voi dicendo: “Ciao, piacere, io sono…”
E voi PAM!
Pacca sul culo.
E subito dopo aggiungete: “Ok, ora si beve e più tardi si chiava”.
I vostri incontri al buio saranno di sicuro dei grandi successi.

La discussione sulle mutande

Siti di incontri al buio-Mutande della nonna
Iniziare una conversazione con la classica frase: “Per come la vedo io, le mutande sono un indumento oramai superato” potrebbe essere un buon modo per dare il via a una discussione molto interessante.
Se poi volete anche parlare di depilazione pubica la serata è risolta in maniera definitiva.

Per oggi chiudiamo qui. Fate buoni incontri al buio, dunque. E mi raccomando: chiavate!

Seguimi sulla mia pagina FACEBOOK. Puoi TROVARLA QUI


Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: