Ecco come il coinquilino di merda ti costringerà a cambiare casa

Il coinquilino di merda lavora in modo subdolo. Lui fa le peggio porcherie, ma le fa come se tutto fosse normale. Il coinquilino di merda sa che ti sta logorando i nervi. Sa che sei sfinito. Sa che sei allo stremo. Sull’orlo dell’esaurimento. Ma lui se ne infischia, continua a non tirare lo sciacquone, a rubare il tuo cibo e ride alle tue spalle.
Cambia casa, finché sei in tempo. Scappa. Prima di impazzire.

il coinquilino di merda

“Certo che so usare il forno a gas” (Il coinquilino di merda)

Il coinquilino di merda può essere deleterio. Ecco 6 tipi che ti costringeranno a cambiare casa

1. Il mammone

Lui per almeno vent’anni, in casa con i suoi, non ha mai fatto un cazzo. Tanto pensava a tutto sua madre.
“Lavare i piatti? In che senso?”; “La lavatrice? Non so usarla”; “Sparecchiare? E perché?”. Il mammone è un essere viscido, anche quando ha superato i trenta non si spreca più di tanto. Lascia tutto una merda e attende che sia tu a fare le cose al suo posto.
Con il coinquilino di merda mammone hai solo tre alternative: abbassi la testa e accetti di fargli da balia; lo schiumi di sangue sbattendogli il cranio allo spigolo del tavolo; oppure ti organizzi e cambi casa.

2. Lo zozzone

Lui, il più delle volte, è un’evoluzione del coinquilino mammone. Diventato troppo grande per essere il principino della mamma, un giorno si è svegliato e si è trasformato semplicemente in uno zozzone! Lo scarico della doccia è intasato dai suoi peli. I piatti sono lì da dicembre. La tazza del water sembra un quadro fatto da Pollock, che però aveva a sua disposizione solo il marrone. Lo zozzone fa cose che non vorresti sapere davvero e anche quando le scopri, per conservazione, le rimuovi subito dalla tua mente. Il suo odore, tra l’altro, lo precede di almeno trenta metri. Attenzione però, lui non è cattivo. E’ semplicemente zozzo. Andate via, prima che la casa vada in putrefazione.

3. Il maniaco della pulizia

Se stai fuggendo da uno zozzone, è praticamente matematico che ti imbatterai in un coinquilino di merda maniaco della pulizia.
E’ chiaro che lui ha dei problemi (più di te, se possibile). Passa le giornate andando in cerca dei nemici nascosti dell’igiene per distruggerli, ucciderli, sterminarli a colpi di candeggina profumata. E’ una sorta di nazista intollerante ai microbi, ai batteri, alla sporcizia. E a te!
Prima di entrare in casa ti costringe a toglierti le scarpe. E se ha passato la cera devi usare le pattine. Ogni volta che usi il bagno, non importa quanto tu sia stato attento e abbia ripulito, lui lo sterilizza e te lo rinfaccia. Se i piatti li hai lavati tu, lui li rilava schifato. Per lui la casa deve essere simile a una campana di vetro, una camera asettica. Sterile. In pratica, come la sua vita!
Un consiglio: dopo aver cacato sul tavolo della cucina, prendi le tue valige e cerca un’altra casa.
il conquilino di merda big-bang-theory

4. L’eiaculatore rumoroso

Che il tuo coinquilino di merda scopi è una buona cosa. Più scopa più è rilassato. Più è rilassato meno sarà un coinquilino di merda. Ma che alle 3 di mattina ululi il suo amplesso al soffitto, aggiungendo: “Sì!! Infila l’ananas adesso!!! Infilalo tutto!!” può compromettere il tuo sonno. Se si tratta di un coinquilino eiaculatore rumoroso ninfomane, be’, la convivenza pacifica potrebbe essere molto difficile. Specie se a pranzo ti offre una fetta di ananas.

5. Lo scroccone

Né partecipa a una spesa collettiva né fa mai una spesa sua. Lui ha fame, entra in cucina, afferra tutto quel che trova e lo ingurgita senza pensarci troppo su.
“Poi ti ricompro tutto” è la sua frase di rito, quando si accorge che lo stai guardando con odio e teme di essere accoltellato nel sonno. E in ogni caso, alla fine, non ricompra mai niente.
Anche in questo caso le cose da fare sono tre: te lo accolli, cerchi un altro appartamento, o lo pesti a sangue e gli pignori i suoi beni finché non ripaga i suoi debiti.

6. Quello che ci prova

Lui poveretto, per essere un coinquilino decente ce la mette anche tutta. Ma è proprio che è negato. Non ce la fa. Non è portato. Non è colpa sua.
Cucina e brucia tutto. Fa la lavatrice e restringe i vestiti. Ha rotto la lavastoviglie, l’aspirapolvere e il microonde.
Non fatelo avvicinare al forno a gas. E allontanatevi da lui finché siete in tempo.

Questi sei tipi di coinquilino di merda possono causarti seri danni psichici. La soluzione migliore resta sempre la stessa: cercati un monolocale tutto tuo.

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: