Cose strane che succedono nel mondo. C’è gente che “sono pazzi”

Nel mondo succedono cose strane. C’è gente che non capisco. Succedono cose così assurde che dovrei smettere di farmi domande. E sarebbe una cosa buona, checché ne dicano i filosofi. Perché quando smetti di farti domande inutili è perché sei entrato in una fase in cui hai maturato la consapevolezza che tanto, qualunque sia il tuo impegno, qualunque sia lo sforzo che fai per capire gli individui, i loro modi, i loro atteggiamenti, qualunque sia il tuo punto di vista, qualunque cosa tu faccia, di quello che ti succede intorno non capirai mai un cazzo. Non puoi. Non ti è dato sapere. E’ un mistero.

So di non capire. Cosa cazzo passa per la mente della gente.
Che detta così ha l’aria di una cosa filosofica, no?
A voi capita di avere la sensazione di non capire un cazzo di quello che sta succedendo realmente nel mondo?

Io osservo con una certa compassione quelli che parlano come se capissero. E’ il chiaro segnale di un’innata cretineria.
succedono-cose-strane-gente-van-gogh-gioconda-monnalisa

Nel mondo succedono cose che non succedono (nei mondi normali)

In questo nostro mondo succedono cose che non succedono nei mondi normali. Cioè, cose strane, cose brutte. Cose… boh!
Nel mondo c’è gente che fotografa i buchi del culo e ne fa una mostra d’arte contemporanea intitolata Ojo del culo. E la gente va a vederla. E osserva questi buchi di culo cercando di coglierne il significato intrinseco.
C’è gente che crede veramente che discendiamo tutti da Adamo ed Eva che hanno poi generato Caino e Abele che a loro volta, poi… boh, hanno fatto il primo gay-pride.
C’è gente che s’inginocchia a terra cinque volte al giorno per pregare un dio che esiste solo nella propria testa. C’è Adinolfi.
Nel mondo c’è gente che gioca ai video poker. Gente che gioca ai Gratta e vinci. Al Superenalotto. Al casinò municipale di San Vincent.
Al mondo c’è gente che fuma le MS Mild. Sì, le M-S-Mild. Che porcata!

C’è gente…

succedono-cose-strane-gente-app-scorregge-fart-min
Al mondo esiste gente che crede a tutto quello che legge, esiste gente che non capisce l’umorismo, c’è gente che si nutre di disagio.

Nel mondo succedono cose strane. Succede che la gente scarichi l’app per fare le scorregge e l’inventore di questa app diventi ricco. Succede che il museo dell’Olocausto vieti l’ingresso ai cacciatori di Pokemon. Succede che Biagio Antonacci saluti il rock per sempre e il rock si domandi: “Chi cazzo è questo che saluta, mo’?”. Al mondo succedono cose assurde.

Il buon senso…

Succede che il buon senso si eclissi. Che il pudore si perda. E che tutti abbiano da ridire su tutto. “E come si è vestita quella sul red carpet?”, “E come si è vestita quella per andare in spiaggia?”. Se un tedesco vuole indossare sandalo e calzino bianco per passeggiare nel centro di Roma, be’, indossi pure il suo sandalo e il suo calzino bianco. La mia vita andrà avanti lo stesso, tranquillamente.

L’amore…

Nel mondo succedono cose strane. Succede l’amore. Succede che uomini e donne credano di poter diventare amici. Che si confonda l’affetto con una scopata. Che si parli di tutto, tranne di ciò di cui si dovrebbe parlare. Succede che si capisca solo ciò che si vuol capire. Che non si rispettino gli spazi, l’intimità. Che si diventi invadenti. Ci si ferisca. Che si parli troppo e ci si saluti a stento.
Succede che ci si lasci male, senza neanche un vero perché.

La guerra…

Nel mondo succedono cose strane, curiose, bizzarre. Succede che si facciano guerre chiamandole missioni di pace. Che si chiamino amici dei criminali di guerra. Grandi statisti dei dittatori omofobi. Che si speculi sui morti per tornaconto politico. E poi inizi il calcio mercato, come se nulla fosse.

Cose difficili da capire…

succedono-cose-strane-trockij

Succedono cose difficili da capire. E da credere. Succede che l’uomo sbarchi sulla luna. Che un uomo si lanci da 8.000 metri senza paracadute e atterri su una rete. Succede che lo zio di Christian De Sica ammazzi Lev Trockij.

Insomma, nel mondo succedono cose strane. Troppo strane per essere capite. E alla fine, probabilmente, sarebbe bene smetterla di parlare a vanvera. Di farsi domande che non potranno mai avere risposta. Domane inutili. Domande faticose. Domande senza un perché.
Forse, sarebbe giusto rassegnarsi. E far finta di nulla, continuando a vivere sereni ognuno la propria vita.
Che ne dite, ci riusciamo?

Seguimi sulla mia pagina FACEBOOK. Puoi TROVARLA QUI


Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: