Ciò che mi fa paura della razza umana

Oggi mi va di scrivere cose a caso. Oggi mi va di pensare a tutte quelle cose che mi fanno paura della razza umana.
Avete presente quei flussi di coscienza bimbominchia che uno vomita quando è sull’orlo di una crisi di nervi? Quando all’improvviso si rende conto che costruire una bomba o trovare del buon tritolo in città per far esplodere tutto non è affatto semplice come si dice in Fight Club? Ecco, non ho trovato il tritolo. Scrivo.
D’altro canto questo è un blog sì di satira, ma anche di misantropia e disagio esistenziale, e ultimamente col disagio ci sono andato un po’ troppo leggero. Per cui oggi si parla di ciò che mi spaventa, mi angoscia, mi terrorizza. Ciò che non capisco. Insomma si parla di voi. Di noi. Di me.
Voi avete paura della collettività umana? Come la sopportate la paura? Di preciso cos’è che vi spaventa?
Ciò che mi fa paura della razza umana

Della razza umana mi spaventa…

Della razza umana mi fa paura la vigliaccheria. Perché la vigliaccheria nasce dall’egoismo, e l’egoismo è disgregazione sociale. Della razza umana mi spaventa l’incapacità di diventare adulta. La capacità di sbagliare e sbagliare ancora, facendo sempre lo stesso errore, ostinatamente, come una mosca che batte su un vetro. Mi terrorizza, della razza umana, il cappio nero del giustizialismo, quel gridare morte col cappuccio in mano, come un perfetto boia eccitato dal sangue.
Mi fa paura la morte, la mancanza di umorismo, l’imbecillità.

Della razza umana mi fa paura lo sguardo iniettato d’odio davanti all’apericena, mentre il venditore di rose mi chiede l’unico euro rimasto in tasca.
Mi spaventano a morte l’alimentazione studiata, i consigli per gli acquisti, le finestre con le sbarre, l’odore di dopobarba per coprire ogni sentore umano. Non vogliamo lasciare traccia di ciò che siamo. Ripudiamo la nostra natura.
Manichini in vetrina per una collezione fuori moda.

Della razza umana mi spaventa l’incapacità di comunicare, di esprimersi, di comprendere.
Mi spaventa il “come stai?”. “Male”. “Anch’io, grazie”.
Mi spaventa a morte il “morte tua vita mia”.
Era così giovane.
Futili motivi.
L’ha fatto per troppo amore.
Se l’è cercata.

Forse l’umanità ha gonfiato troppo il suo carico di aspettative. La bolla speculativa porterà a un nuovo crollo di borsa. Vendete le vostre azioni, finché siete in tempo.

Della razza umana mi fa paura il darsi del lei. Il darsi del tu. Il darsi del voi. Mi fa paura l’incapacità di darsi e basta.

Mi fa paura il potere. I manganelli che spezzano la dignità. Le bombe lacrimogene lanciate per piangere meglio ai funerali.

Della razza umana mi spaventa la paura di esserci. La paura di partecipare. Mi terrorizza a morte la paura umana di vivere.

Ciò che mi spaventa della razza umana è la retorica scontata. Il romanticismo ostentato. I sentimenti intrappolati nelle emoticon dei social network.
Odiare è umano, ma odiare nel modo giusto è un’arte per pochi, di cui abbiamo perso i rudimenti. Odiamo male, e questo non va bene.
Della razza umana mi spaventa la paura di amare. Amare gli altri. Amare se stessi.
Ingurgitare birra e sciroppo di glucosio è l’unico modo per diventare chi siamo.
Il fumo uccide.
Tanto meglio.

Mi terrorizza, della razza umana, la spina dorsale costruita senza norme antisismiche. Le ginocchia impastate di poco cemento e troppa sabbia. Lo stomaco con la collezione di farfalle trafitte da uno spillo.
Mi spaventano gli occhi foderati d’amianto. La bocca che succhia la morte dagli scarichi di un’acciaieria. Il cancro spalmato sui biscotti al burro inzuppati nel caffellatte.

Mi fa paura chi urla, chi dorme, chi ha fede, chi appare all’improvviso sulla muffa dei muri, senza neppure avvisare. Neanche un Whatsapp.
Mi terrorizza chi scrive in maiuscolo e chi legge libri senza parole. Mi terrorizza chi parla senza dire niente. Chi ascolta pensando ad altro. Mi spezza il cuore questa corsa psicotica verso un continuo fraintendersi.
L’amore da competizione.

Mi fa paura la mia ombra, perché da bambino ha cercato di uccidermi, di strangolarmi nel sonno, di notte, nel buio della mia stanza. Che ombra stronza!

Mi fa paura chi è perso dietro ai sogni e non si è accorto del precipizio. Mi spaventa chi ha smesso di sognare e costruisce muri sottopagando in nero. Chi raccoglie miseria per un euro l’ora.
Mi angoscia chi guarda dallo spioncino del televisore. Chi vive attaccato alla catena dei suoi genitali. Chi ruba ai poveri per dare ai ricchi. Chi accumula barili di petrolio per galleggiarci dentro. Chi abbandona il cuore in autostrada e parte per le vacanze.

Della razza umana mi spaventa il branco cinque contro uno. Mi spaventa l’8×1000. Il nuovo romanzo da un milione di copie. Il Medioevo 2.0.
Prendiamo tutto e in cambio diamo solo i numeri.
Della razza umana mi fa paura il prezzo di mercato. Il codice a barre tatuato sulla schiena. Il non desiderare la roba d’altri.

Della razza umana, soprattutto, mi fa paura la disumanità. Che è anche mia. Perché se gli umani non sono umani, be’, io non so proprio cos’altro possano essere.
Forse polvere.

2 CommentiLascia un commento

  • Che belle queste cose che scrivi sei veramente bravo nel riuscire ad esprimerti così ..magari io avessi il tuo talento ..a me fa paura tutto tutte le cose che hai scritto e mi fa anche tanta paura il nemico che fin da bambina mi porto dentro che ogni cosa che provo a fare me la fa lasciare a metà mi fa arrendere in tutto perché da sempre mi sussurra all orecchio che tanto nn so fare niente e faccio tutto male o non ce la farai non sei niente non sei nessuno e così non so perché sono venuta al mondo so solo che in qualsiasi situazione e in qualsiasi circostanza io mi trovi mi sento fuori luogo ..e a disagio…odio stare in casa odio chiude mi ma la casa è l unico posto sicuro lontano da chiunque può guardarmi e capure che nn sono niente …

    • Questo tuo stato d’animo è un problema di molti, al quale però bisogna reagire, mica puoi passare l’intera vita così, ti pare? In un modo o nell’altro devi iniziare a credere di più in te stessa, questo è quanto. Dai che ce la fai 🙂
      Ps- Per i complimenti: grazie! 🙂

Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: