Tradimento, amore e gelosia

Ho atteso qualche giorno in più per pubblicare questa nuova puntata de “La posta del Colon – Tradimento, amore, gelosia”, poiché mi sono ripreso solo oggi da 10 giorni di alcolismo natalizio e so per esperienza che i consigli del Dottor Miceli gonfio di tequila, per quanto assolutamente illuminanti, non vengono presi granché bene dalle persone che cercano aiuto o conforto. Insomma, voi pappamolle che non siete altro non volete uno che vi dica come stanno le cose, volete uno che vi dia ragione su tutto e vi permetta di frignare anche se avete torto marcio. Siete degli smidollati, è questa la verità. Per fare un esempio: vostro marito vi ha trovato a letto con tutta la squadra degli amici con cui gioca a calcetto il venerdì sera e voi mi concludete l’email scrivendo sta roba qua: “Gentile dottor Miceli, perché mi ha lasciata così, dopo nove anni di felice matrimonio? Avremmo almeno potuto riprovarci…”

E perché mai t’ha lasciato così?

“E t’ha lasciato così perché sei ‘na zoccola, bella mia. Che te devo di’?”

Be’, questa sarebbe stata la risposta alcolica. Istintiva, deprecabile e carica di giudizi morali. Non va bene. E poi lo so che in una rubrica del genere dovrei essere un po’ più delicato, che dovrei sempre trovare il giusto equilibrio, dovrei rispondere con garbo e professionalità con frasi del tipo:

“Probabilmente l’increscioso avvenimento è stato causato da una reazione eccessivamente forte, dovuta allo shock e alla perdita improvvisa dei riferimenti emotivi. Faccia passare del tempo, gli dia modo per metabolizzare l’accaduto, e poi lo cerchi nuovamente ammettendo ogni responsabilità e scusandosi con sincerità ‘dell’incidente’ che ha coinvolto lei e l’intera squadra di calcetto del venerdì. Dopo di che lo inviti a riprovarci, prestando maggiore attenzione ai suoi sentimenti”.

Tradimento moglie calcetto

La squadra di calcetto del venerdì

Ma parliamoci chiaro, questa risulterebbe una risposta troppo distaccata, poco sentita, fredda, glaciale, volendo anche cattiva poiché lascia passare tra le righe un malcelato senso di disprezzo, o no? Come a dire: “Sei ‘na zoccola, ma nun te lo dico qua che c’è gente”. Io uno così lo manderei a fanculo, altro che chiedere consigli.

No, il dottor Miceli non è così, non è fatto di questa pasta (certo, te un po’ zoccoletta ce sei e ce resti). Per questo, ora che sono mezzo sobrio e mezzo no, mi sento di rispondere alla signora con la sincerità del vecchio amico che una bottarella te la darebbe anche, dovesse presentarsi l’occasione. Per cui a questa mail ho deciso di rispondere azzardando una visione più globale del problema: “Ma non è che gnente gnente tuo marito se la faceva lui sta squadra de calcetto del venerdì? Oh, sotto le docce degli spogliatoi ne cadono di saponette. Lo voi detto in sincerità? Secondo me nun è tanto il tradimento,  ma se l’è presa perché nun l’hai invitato. E che se fanno così le gang bang? Sai che voi fa? Te venerdì prossimo organizza ‘n’altra partita de calcetto in camera da letto, però stavolta con la squadra al completo e chiami pure tu marito, ok? Sennò sei scorretta. All’inizio farà quello incazzato, ma poi fallo chiama’ pure dall’amici. Fate ‘na rimpatriata goliardica, va’.

Io dico che recuperate”.

Cordialità.

CONTINUA A LEGGERE LA POSTA DEL COLON (PAGINA 2)

Se il post ti è piaciuto e vuoi premiare l’autore, fai adesso i tuoi acquisti su Amazon.it. Oppure leggi un altro articolo tra quelli selezionati in basso.

Gelosia, tradimento e amore

Gentile dottor Miceli, il mio nome è Andrea, sono uno stimato professionista e nella città in cui vivo sono molto conosciuto e apprezzato. Il problema è che anche la mia attuale compagna è molto conosciuta e apprezzata, ma più per le sue doti fisiche che non per altro. Io sono un uomo molto geloso, e non amo che gli altri uomini commentino in modo volgare le sue fattezze. Lei invece ignora questa mia gelosia e, forse proprio per provocarmi, continua a vestirsi in modo molto provocante, attirando le attenzioni su di sé. C’è una grossa differenza di età tra di noi, lei ha circa vent’anni mentre io appartengo ad un’altra generazione, sarà forse per questo che non riesco a comprenderla? Le ho fatto presente più volte le mie rimostranze, ma lei si ostina ad ignorarmi. Cosa mi consiglia di fare?

Con stima, Andrea.

Apicoltori Burqa Gelosia

In foto lavoratrici col burqa, credo. Oppure apicoltori, non lo so.

Miceli risponde

E non lo so Andre’, che volemo fa? Come a volemo risolve sta gelosia? Volemo chiude’ sta ragazzetta in casa e le volemo mette ‘a cintura de castità? Er burqa non glielo potemo mette’ sennò poi tutti se mettono a di’ che te sei affiliato all’Isis, magari te mettono ‘n galera per terrorismo internazionale, nun me pare il caso. E poi, comunque, piglia me, a me le femmine vestite d’apicoltore m’attizzano un sacco, lasciano spazio alla fantasia, o no? Se la vedo in giro col burqa m’arrapo sicuro e ‘na palpata de culo gliela faccio. Me dispiace per sta gelosia tua, ma è il burqa che me provoca, o no? In tribunale m’assolvono sicuro.

Chiuderla in una scantinato legata a ‘na sedia nun se pò che dice che è illegale (e poi volemo esporta’ democrazia, mah…). Le volemo fa fa un corso d’addestramento tipo i cani, così qualsiasi cosa dici lei ubbidisce, zitta e mosca?

Nun lo so, Adre’, a me me pare più semplicemente che sei te che te stai a rincoglioni’. Anzi, me pare strano come sta ragazzetta ancora nun t’ha menato. E falla respira’, sta poraccia, e statte bono, che se te lascia fa bene. Datte ‘na regolata, damme retta.

Va be’, in ogni caso cordialità.
CONTINUA A LEGGERE  LA POSTA DEL COLON (PAGINA 3)

Se il post ti è piaciuto e vuoi premiare l’autore, fai adesso i tuoi acquisti su Amazon.it. Oppure leggi un altro articolo tra quelli selezionati in basso.

Amore, gelosia e tradimento

Caro dottor Miceli, il mio nome è Monica, sono una piacente signora da poco entrata negli anta, coltivo l’amore per lo sport, il cibo salutare e le serate in compagnia degli amici. Ho un compagno molto più giovane di me, che amo molto e con cui vado d’accordo, ma che forse a causa della sua giovane età (ha quasi 25 anni) da qualche tempo ha iniziato a rivolgersi a me più come a una seconda madre che come a una partner. Questo repentino cambiamento, da qualche settimana, ha iniziato anche a coinvolgere la sfera intima. Esiste un modo per far risvegliare la sua passione? Non voglio perderlo.

Amore Posta del Colon Miceli

In foto Monica

Miceli risponde

Stimatissima Monica, ho visto la tua foto allegata all’email, fattelo dire: quaranta portati benissimo, ‘sti giovani d’oggi nun capiscono gnente. Ma che se tratta così ‘na quarantenne zozzona, abbronzata, e che va pure in palestra? Scommetto che sei de quelle col perizoma tigrato. C’ho indovinato, eh?
Nun lo so che c’hanno ste nuove generazioni dentro la capoccia, stamo perdendo proprio le basi, i fondamentali. I venticinque anni miei erano diversi, tutta un’altra storia, ma è anche vero che noi siamo stati cresciuti da Lino Banfi e Alvaro Vitali. Le peggio zozzerie se fanno con le quarantenni, è risaputo. Io più de scriverte l’indirizzo mio in privato me sa che posso fa’ poco. Quello sicuro se sta a scopa’ qualche ragazzetta, dammi retta. Sai quelle che scopano zitte zitte che manco respirano e te pare de sta in biblioteca? Quelle che quando hai finito poi te chiedi: ma ha goduto? Le sarà piaciuto? Ma soprattutto è viva? Respira? Magari tutta svestita è andata in ipotermìa, non è che è il caso di chiamare ‘n’ambulanza? Oh, s’è schiattata io lascio il cadavere qua e me ne vado. Chi la conosce a questa?

C’è poco da fare, Monicu’, il ragazzo è ancora acerbo, nun te merita. Lascialo prima che ti lasci lui. Te c’hai bisogno de uno più maturo, uno che ragiona, ‘n intellettuale raffinato, belloccio, un po’ brizzolato, uno che scrive libri, che c’ha un certo fascino. No, non sto a parla’ de Baricco, sto a parla’ de me. Se sentimo in privato, ok? Love.

E cordialità e amore.

CONTINUA A LEGGERE LA POSTA DEL COLON
Se il post ti è piaciuto e vuoi premiare l’autore, fai adesso i tuoi acquisti su Amazon.it.
Oppure leggi un altro articolo tra quelli selezionati in basso.

Problemi di cuore, lavoro, fortuna? Scrivi al Divino Miceli

La posta del colon

Problemi di cuore? Lavoro? Soldi? Vuoi conoscere il tuo destino? Lascia perdere l’oroscopo di Brezsny (quello che scrive sull’Internazionale), l’oroscopo di Branko e l’oroscopo di Paolo Fox. Divino Otelma? Chi è costui? Ignora Barbanera, Barbagialla e Barbablu.  Diffida del Mago di Segrate. Rottama gli oroscopari della casta. Cancella dalla tua mente Wanna Marchi e il Maestro do Nascimento. Supera la superstizione e infine, solo se sarai pronto, solo se sentirai di meritarlo davvero, scrivi al Divino Miceli.

Divino Miceli, l’oroscoparo anarchico che risolve i tuoi problemi di cuore. L’unico che ce pija sempre. Fidate.

Problemi di cuore

In foto il Mago di Segrate che svulazza. Ma sia chiaro che anche il Divino Miceli sa svulazzare

Problemi di cuore? La posta del Colon. Scrivi a Miceli, Miceli risponde

Salve, Divino. Sono Giacomo da Firenze. Sono sagittario ascendente vergine e da circa un mese ho una relazione con un leone. Le cose tra di noi vanno bene, lo amo, ma, per colpa delle mie insicurezze, temo che il suo carattere possa cambiare improvvisamente e tutta la nostra passione si riveli solo l’ennesima illusione. Ho avuto una vita molto sfortunata e ho paura di scottarmi ancora. Sai dirmi se con questa persona vedi un futuro insieme?

Giacomi’, sagittario e leone secondo me nun tanto se pijano, te lo dico subito. Me dispiace, ambasciator non porta pena. Nun da’ retta a Paolo Fox e a Branko, quelli te dicono cose a caso. Te invece in settimana mi molli sto leone (eh, lo so, è dura ma lo devi da fa’, nun te merita, nun te ama). Glielo dici: “Ah leo’, Miceli m’ha detto che nun ce sta futuro, me spiace” fa male a tutti, lo so, ma è così. Poi te lavi, te ‘mprofumi e te ne vai tutto solo in un bel localaccio di quelli zozzi che tutti vanno là apposta ppe fa ‘e zozzerie, e te guardi un po’ in giro. Acchiappi il primo che te vie’ sotto e te lo porti in bagno a fa’ roba. Ripeti sta cosa ogni settimana finché nun incontri ‘n ariete o na bilancia, vedi tu. Ecco, quello è roba tua, e te lo tieni stretto che hai fatto l’acquistone.

Da’ retta a Miceli.

Cordialità.

Gentile dottor Miceli, sono Maria, le scrivo da Frosinone. Io vergine, lui pesci. Usciamo insieme oramai da un mese ma non c’è ancora stato nulla tra noi, neanche un bacio. Credo di piacergli e anche lui mi piace. Faccio io il primo passo? Sono molto timida, cosa mi consiglia?

Grazie mille.

‘A Mari’? Ma de che stamo a parla’? Te piace? Te lo voji scopa’? Fallo parcheggia’ dentr’a ‘n anfratto senza lampioni e zompaje sopra, no? E mamma mia, come le fate complicate le cose. E mica te lo devi sposa’? O sì? Va be’, se la frequentazione è a scopo matrimonio zompaje sopra uguale, ma mandame l’ascendente che te dico entro quanto te fa’ le corna.

Cordialità.

Io cancro, lui scorpione. Colpo di fulmine già alcuni anni fa, ma poi, complice la vita, ci siamo persi di vista. Ora ci siamo ritrovati per caso, ma non so cosa fare. Mi piace ancora molto ma è come se fosse un’altra persona. Cosa mi consiglia?

Oh, innanzitutto te chi sei? Nun se saluta? Nun ce se presenta? Questa l’educazione che t’hanno dato a casa? Se parla così dei problemi di cuore? Comunque, giacché il Divino dottor Miceli è un signore, te risponde uguale.

Quant’anni c’avete? Te stai a fa vecchia o sei ragazzetta? Le zinne so’ cadenti? ‘A cellulite? ‘E rughe? Se è tutto a posto vatte a diverti’ e nun ce pensa’, che tanto questo o ‘n altro alla fine è uguale. Se c’hai n’età, allora il discorso è diverso: pijate lui e nun fa troppo la schizzinosa, che t’ha detto pure bene.

Cordialità.

Anche questa puntata de La posta del Colon l’abbiamo portata a termine. Siete una cazzo di lagna continua, fatevelo dire. Comunque, se volete comunicare al Divino Miceli i vostri dubbi, le vostre perplessità, i vostri problemi, se volete avere un parere su amore, soldi, lavoro, fortuna, ma soprattutto se volete lasciare soldi, donazioni, robe di valore, orologi, oro, buoni del tesoro ecc, allora scrivete pure agli indirizzi che trovate qui. La mia pagina Facebook, invece, la trovate qui.

Un saluto. E cordialità.

LEGGI ANCHE LA PUNTATA PRECEDENTE DE LA POSTA DEL COLON

Oppure leggi uno degli articoli selezionati qui in basso.

La posta del Colon. Me piace una che nun je piaccio, che debbo fare?

Visto che oramai è diventato un appuntamento imperdibile, anche oggi vi propongo la consueta rubrica La posta del Colon (se vi siete persi la scorsa puntata la recuperate qui).

Le mail che ricevo (all’indirizzo che trovate qui) stanno diventando tante e sto iniziando a fare una selezione più serrata, quindi se nun ve pubblico rompete meno er cazzo. Però se avete problemi d’amore, tradimenti, cose tipo che lei nun c’ha mai voglia o che a lui nun glie se arza, ecco, scrivetemi che con i miei consigli tranquilli che risolvete.

E gnente, ve lascio alla rubrica, dai.

Buona lettura e cordialità

Il dottor Miceli.

Amanti a letto

La posta del Colon – puntata 3

Gentile dottor Miceli, sono Massimiliano e ho 9 anni. Da tre anni sono innamorato perdutamente di Anna, la mia compagna di classe, penso sempre a lei, giorno e notte, e da grande voglio sposarla. Pochi giorni fa, a ricreazione mi sono avvicinato a lei e le ho raccontato i miei sentimenti, solo che lei ha detto che non mi vuole perché sono brutto. Cosa devo fare?

Massimiliano della IV C

Caro, piccolo, Massimiliano. Considerati fortunato, stai imparando una delle grandi lezioni della vita: mai dare troppo culo alle fiche di legno. Anna nun te vuole? ‘Mbè? E che ce l’ha solo lei ‘a patonza? Ma che la tiene d’oro? Se nun te vuole er problema è suo. Svejati, Massimi’, e smettila de fatte cojona’! Che non ci sono altre compagnucce in classe tua? Vai, lanciati, rimorchiale, che te frega? Metti via l’apparecchio e l’occhialetti da ciecato. E vai, parti convinto. Mano ar culo e lingua ‘n bocca.

Così Anna rosica. E poi s’attacca ar cazzo!

Vai Massimiliano.

Cordialità.

Caro Enrico, seguo il tuo blog da sempre e lo trovo ben fatto e divertente. Solo che alcune volte utilizzi modi e parole un po’ troppo volgari. Credo che con meno scurrilità l’intero blog migliorerebbe di molto. Un caro saluto, Mariarita.

Ah Mariari’, ma chi t’ha chiesto gnente, ma chi te conosce? Ma che stai a di’? Si nun te piacciono ‘e parolacce vatt’a legge il blog de Paolo Brosio, allora. Ma vedi questa. ‘A gente nun se regola, sta fuori de capoccia, oh! E poi questa è na rubrica che mica parla del blog, è na roba de sentimenti, oh! Ma che in amore te va tutto bene? Mh… io nun ce giurerei.

Cordialità.

Gentile Enrico, la mia è una domanda un po’ imbarazzante ma credo che tu possa darmi il consiglio giusto per uscire da questa situazione.

Allora, sono sposato da 3 anni e da qualche tempo oramai, mia moglie ha preso la cattiva abitudine di emettere flatulenze sotto le lenzuola. Io faccio finta di nulla ma non ti nego che la cosa mi disgusta e anche la mia libido, mi rendo conto, sta scemando col tempo. Cosa mi consigli di fare?

Maurizio

Be’, ‘a moglie scureggiona, in effetti, è ‘na cosa antipatica. Ma che tipo, dopo ‘na scureggia hai provato a lancia’ du’ bestemmie e diglie: “Amo’, ma se te viene da caca’ arzati e vai ar cesso, no? Nun se po’ sta. E mamma mia! Pure er gatto è narcotizzato, guardalo là poraccio, vedi ‘n po’ se respira? Non è che è soffocato? Mamma mia, e che è, è scoppiata ‘na fognatura?”

Mauri’, secondo me così risolvi.

Prova e famme sape’, un saluto.

Oh, e pure questa s’a semo levata.

Alla prossima.

Cordialità.

Il dottor Miceli