Ecco 6 modi creativi per dire al tuo amico puzzolente che sta appestando l’aria

Vi è mai capitato di avere un amico puzzolente? Uno di quelli che ci si ritrova non per scelta, ma perché è andata così. Non so, un amico d’infanzia, un compagno di scuola, insomma, un fetente capitato per caso nella vostra vita. L’avete mai avuto?
Come fargli capire che puzza? Come suggerigli di lavarsi senza ferirlo? Come esplicitargli che è un fetente, che il suo odore è insopportabile, che non gli si può stare vicini tanto dallo schifo?
Ovviamente io i miei amici puzzolenti li tratto male, anche perché l’odore che emanano mi suggerisce di trattarli di merda, e quindi non posso fare a meno di dire frasi del tipo: “Con te non ci parlo perché puzzi come un cane morto. Stammi lontano e lavati!” anche se magari il puzzone mi ha detto solo “Ciao Enri'”.
“Ciao il cazzo, puzzone!”
‘Sti fetenti che ti salutano, mah!
Un amico puzzolente però è spesso utile, ci fa capire quanto sia importante prendersi cura di noi stessi per poter svolgere appieno il nostro ruolo di membri attivi di una società fatta di altre persone proprio come noi.
L’amico puzzolente forse sa che il suo esempio è per noi uno sprono a valorizzare sempre di più la nostra persona, e forse è proprio per questo che si mostra a noi in tutto il suo fetore, chissà…
Comunque sia, se proprio siete tipi sensibili che non vogliono ferire il loro fetido compagno di giochi di un’epoca oramai passata, ecco sei modi creativi per far capire al puzzone che forse è il caso di sperimentare questa oscura materia chiamata sapone.

amico puzzolente fetente

6 modi per dire all’amico puzzolente: “Lavati!”

1.
“Ma hai pestato una merda di cane?”
“No”.
“Ah, quindi sto tanfo sei tu?”

2.
“Ma allora è vero sto fatto che la Nivea ha messo in commercio il deodorante alla cipolla! E dire che mi sembrava una cazzata”.

3.
“E raccontami un po’ di questa tua nuova religione. Perché avete deciso di vietare l’uso del sapone e del bagnoschiuma?”

4.
“Ho capito che sei morto dentro, ma la puzza di putrefazione si sente da fuori. E che cazzo!”

5.
“In alcune tribù primordiali il tanfo che emani avrebbe fatto impazzire molte donna, sai?”

6.
“Mostrare il tuo schifo verso una società nauseante utilizzando il tuo stesso corpo come strumento di disgusto, è un’intuizione artistica davvero pregevole. Devo dire che non credevo avessi questo tipo di talento e di sensibilità. Complimenti!”

Se voi conoscete altri modi scriveteli qui in basso o commentate sui social

Seguimi sulla mia pagina FACEBOOK. Puoi TROVARLA QUI


Lascia una replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: